È dalla fine di Novembre che ho iniziato ad usare un’agenda molto strutturata per avere un senso di controllo della mia organizzazione casalinga. Detto così non è bellissimo… avere il controllo di tutto è impossibile ed è nella mia mente uno di quei meccanismi perversi che bisognerebbe evitare… ma immancabilmente quello che dovrei limitare mi attira.

Per il lavoro sono abbastanza organizzata. Ho da sempre una agenda giornaliera tipo ToDo List e delle cartelle Task per settore. A casa è tutta un’altra storia. Navigo a vista e questo è piuttosto stressante vista la complessità della mia vita “domestica”.

Siamo 5, di cui 3 bambini, di cui 2 gemelli…

Lavoro e mi piace fare tante cose. Inoltre data la mia età sto perdendo i superpoteri di memoria e lucidità mentale. Quindi mi serviva un aiutino.

Ho scoperto il sistema BuJo (Bullet Journal) e l’ho trovato fantastico. Mi disegnavo il mio bel diario e ho iniziato a guardare alla mia organizzazione personale con un altro occhio.

Poi ho incontrato su Facebook “Life Planner” e mi ha conquistata… Ora sto cercando di usarla ma il passaggio è duro.

I motivi sono due:

  1. Gli spazi sono preorganizzati e io fatico a stare dentro uno schema non mio
  2. Si basa sulla definizione continua di obiettivi e questo per me è un grande punto debole.

In ogni caso vado avanti… chissà che non riesca a concludere qualcosa di buono.💪🏻